Filcams: "Nostri lavoratrici e lavoratori garantiscono il servizio nonostante l'emergenza sanitaria"

Posted: 11 Marzo 2020
Categoria Federazioni di categoria , FILCAMS , News , News Home

Le lavoratrici e i lavoratori del commercio, dei servizi, del turismo e delle mense, stanno garantendo in queste difficili giornate un servizio fondamentale a tutta la cittadinanza sostenendo uno sforzo che va ben oltre le loro possibilità.

Molto spesso il lavoro è svolto in condizioni estreme, soprattutto nei negozi alimentari, dove si sono registrati, nelle ultime giornate, afflussi straordinari e di complessa gestione, che rischiano di impattare sulla salute di lavoratrici e lavoratori.

Il decreto 8 marzo 2020, art.1 comma r, prevede tassativamente il rispetto delle distanze di sicurezza, di cui l’allegato 1 comma d, e/o del rispetto all’accesso contingentato per evitare assembramenti di persone.

Stiamo riscontrando in gran parte delle aziende, in particolare nella grande distribuzione, una
condizione di non ottemperanza a tale normativa (assenza di barriere fisiche in caso di distanza inferiore al metro) con potenziali gravi pericoli in particolare per gli addetti alle casse.

Reputiamo gravissima questa condizione. Sollecitiamo urgentemente le aziende ad attenersi
scrupolosamente alle disposizioni a tutela della salute previste.

Non basta contingentare gli accessi!

È necessario attivarsi urgentemente nei confronti dei reparti “critici” (come ad esempio la barriera casse) anche attraverso una serie di misure quali un’apertura alternata delle casse e l’adozione di tutti provvedimenti necessari, per garantire le distanze indicate dalle ordinanze.

In tutto questo crediamo sia fondamentale anche il coinvolgimento del RLS pur ricordando che la responsabilità dell’adozione di misure di contenimento rimane in capo al datore di lavoro e al medico competente.

Infine ci rivolgiamo a quelle imprese che hanno deciso spontaneamente di chiudere i negozi per invitarle ad adottare al più presto gli ammortizzatori sociali in modo da non far impattare questa scelta unilaterale sulle retribuzioni delle lavoratrici e dei lavoratori

 

Filcams Cgil Barbara Cortinovis

Fisascat Cisl Roberto Frigerio

Uiltucs Uil Roberto Pennati

 

 

Condividi l'articolo!

Articoli simili