Pensionati, attivo contrattazione sociale con i Comuni. Spi: "Importante avere situazione dettagliata"

Posted: 7 Aprile 2018
Categoria Federazioni di categoria , News , News Home , SPI

Grande partecipazione all’attivo sulla contrattazione sociale che si è tenuto venerdì. Nella sede Cisl di via Besonda a Lecco, si sono trovati gli oltre 60 delegati di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil. Tema dell’incontro la contrattazione sociale da effettuare con i Comuni della provincia

Ernesto Messere, segretario dello Spi Cgil Lecco, ha fatto una fotografia della contrattazione fatta in questi anni, che ha coinvolto 43 Comuni, l’ Ats della Brianza, la Asst di Lecco, il Consiglio dei sindaci e gli uffici di Piano del distretto di Lecco.

“Questi incontri servono – afferma Messere – da un lato per avere una situazione, la più dettagliata possibile, sul piano degli interventi che i Comuni attuano e dall’altro sono funzionali ad attivare un confronto sulla situazione del Comune e sulle scelte che l’Amministrazione intende mettere in atto per l’anno 2018, con riferimento alla qualità e quantità dei servizi, alle politiche fiscali e tariffarie, alla spesa sociale, con particolare attenzione alle fasce più fragili della popolazione”.

Dalla relazione è emerso che la continuità nella contrattazione sociale porta oggettivamente a dei risultati concreti, riscontrabili nelle azioni che i Comuni mettono in atto recependo le richieste sindacali, in special modo sui temi della fiscalità, delle fragilità economiche e sociali, degli interventi in favore dei giovani e degli anziani.

Enrico Civillini, responsabile della Fnp Cisl, ha poi illustrato le nuove linee guida per la negoziazione dell’anno 2018 su tematiche come la fiscalità, i bilanci comunali, lavoro/giovani/welfare, unioni dei comuni, ambiente, legalità, anziani e fragilità.

Alla fine dell’interessante dibattito, fatto da un grande numero di interventi, Giacomo Arrigoni, segretario generale della Uilp Uil, ha concluso la riunione, ribadendo l’importanza della negoziazione, del confronto delle organizzazioni sindacali con le istituzioni pubbliche della Provincia, al fine di garantire, la tutela del reddito di pensionati e lavoratori, le politiche di inclusione, ed i comportamenti virtuosi degli enti locali.

 

 

Condividi l'articolo!

Articoli simili