Plastiape, presidio di Filctem e Nidil fuori dai cancelli

Posted: 17 Gennaio 2019
Categoria Federazioni di categoria , FILCTEM , News , News Home , NIDIL

Presidio dei lavoratori della Plastiape di Osnago. Picchetto fuori dai cancelli dall’azienda e 4 ore di sciopero.

“Non siamo d’accordo sul modo in cui viene gestita la ”nostra” azienda, perché si scaricano inefficienze, sprechi e scelte sbagliate su lavoratrici e lavoratori – recita il comunicato unitario firmato da Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e dalle rsu aziendali –. Non siamo d’accordo sul modo con cui l’azienda ha intenzione di utilizzare le recenti modifiche normative che riguardano i contratti a termine e il personale in somministrazione, perché non si rispettano le persone, le loro prospettive di vita e, in definitiva, la dignità del lavoro. Non siamo d’accordo con il pretestuoso e inconsistente licenziamento disciplinare di una nostra collega, una decisione che cancella i diritti e rappresenta un modo di intendere il rapporto di lavoro che non ci appartiene e non appartiene alla nostra storia”.

I lavoratori hanno allestito un picchetto fuori dalla fabbrica di Osnago, coinvolgendo quasi la totalità dei dipendenti, provenienti anche dal sito di Sirone. “Stiamo dando una dimostrazione importante – afferma Nicola Cesana, segretario generale Filctem Cgil Lecco –. Si contestano scelte aziendali, ma c’è anche tanta solidarietà, sia nei confronti di una collega licenziata ingiustamente sia verso i lavoratori interinali”.

Al presidio ha partecipato anche Marina Fumagalli referente di Nidil Cgil Lecco, che tutela proprio questi lavoratori: “Il Decreto dignità risolve solo in maniera parziale la questione dei lavoratori somministrati. L’azienda ha affermato che la sua modalità è quella di ricorrere al turnover, ovvero la sostituzione ogni dodici mesi dei lavoratori. Siamo contro queste modalità di politiche aziendali”.

 

 

 

Condividi l'articolo!

Articoli simili