Aerosol, prosegue lo sciopero. "Vogliamo i nostri arretrati"

Posted: 8 Giugno 2018
Categoria Federazioni di categoria , FILCTEM , News , News Home

“Vogliamo i nostri soldi”. I lavoratori della Aerosol Service di Valmadrera proseguono lo sciopero fino a quando non vedranno gli stipendi arretrati, che hanno raggiunto le sette mensilità. Sembrava che la situazione nell’azienda chimico-farmaceutica fosse migliorata con le idee dell’amministratore Giovanni Bartoli – comprendente il reintegro di almeno una quarantina di dipendenti in una nuova società, denominata Aerosol Pharmaceutical. Ma ora il progetto non è ancora partito.

“I soci non si stanno adoperando per recuperare la situazione – afferma Nicola Cesana (segretario generale Filctem Cgil Lecco) –. Nell’ultimo incontro ci hanno proposto di ripartire e successivamente pagherebbero gli stipendi. Abbiamo detto di no, visto che l’impegno preso era di retribuire e quindi ricominciare a lavorare. Bartoli ha versato solo una mensilità a marzo e poi basta”.

Per questo da lunedì è iniziato lo sciopero. “Sia i pochi dipendenti al lavoro ora, tra ufficio e parte commerciale, sia coloro che sono a casa retribuiti, hanno deciso di scioperare – afferma Celeste Sacchi (Uiltec Uil) –. Nel frattempo si stanno perdendo i clienti. La situazione si sta aggravando giorno dopo giorno”.

Martedì poi terminerà il contratto di solidarietà per gli oltre sessanta lavoratori di Aerosol. “Per noi è un problema, ma ce ne sono di più grandi – afferma Massimo Ferni (Femca Cisl) –. Lunedì saremo in Provincia per le politiche attive. Chiediamo che anche le istituzioni si muovano per poter far ripartire il lavoro”.

 

 

 

Condividi l'articolo!

Articoli simili